Entries from December 2012 ↓

Comune

Flattr this!

Riporto, come gustosa anteprima, il pezzo di apertura del quarto numero dei Quaderni di San Precario, intitolato Comune, di Toni Negri.

Buona lettura.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Nella biblioteca del castello inglese di Lincoln, accanto alla Magna Charta, è conservata l’antica copia della Charter of Forest, la Carta della foresta, nel testo originale ed autografo risalente al 1217. Re Enrico III, da poco al trono, aveva restaurato la prima (che stabiliva i diritti dei cittadini rispetto al sovrano) e voluto la seconda (che meriterebbe ben maggiore attenzione da parte degli storici).
La Carta della foresta stabilisce l’accesso al comune, per ogni uomo libero (every free man); e la foresta, nel tredicesimo secolo, comprendeva tutti i terreni incolti, tutte le aree non utilizzate dell’Inghilterra. Non a caso porta anche il nome di Carta dell’Uomo Comune. Per la prima volta aveva trovato una codificazione costituzionale il diritto a soddisfare bisogni vitali, compresi il combustibile ed il cibo. Alcune clausole sono rimaste in vigore fino al 1970; e sopravvivono ancora oggi due delle Corti istituite a garanzia del libero accesso al comune: New Forest e Forest of Dean.

L’attuale processo costituente dovrà essere accompagnato da una serie simile di azioni in modo da garantire i diritti della vita e provvedere alle necessità di un’esistenza sicura, in buona salute, degna.
Il comune non è proprietà, ma uso. Si fonda sulla cooperazione sociale e questa esclude la proprietà: esclude quella privata, che non è più semplice possesso ma assoggettamento ad un potere esterno; esclude anche quella pubblica, che non si scontra più con singole corporazioni, ma entra in conflitto proprio con la cooperazione sociale, dunque con il comune.
Nel contesto biopolitico la produzione di idee, di immagini, di codici, di linguaggi e di affetti attraverso le reti della comunicazione e della cooperazione orizzontale tende a produrre il comune in modo sempre più autonomo e dunque tende a produrre e riprodurre le forme di vita in modo sempre più indipendente. La produzione e la riproduzione delle forme di vita è la definizione più rigorosa dell’azione politica.
Il comune potrà essere individuato e compreso solo all’interno del conflitto, perché il biocapitalismo non solo non può prescindere dal conflitto, ma lo esalta. Il comune si radica nelle necessità dello sciame, delle moltitudini. E’ ambiente, cibo, istruzione, arte, salute. Il problema dell’abitazione è un bisogno urgente in tutto il mondo; le carenze abitative sono fronteggiate dai movimenti con l’occupazione di strutture dismessse, a volte concluse con la regolarizzazione del diritto delle persone a restarci. Teatri, case, monumenti, fabbriche, fattorie, parchi, acqua e mare cercano una Carta della foresta per essere utilizzate da ogni uomo libero. Ed anche questo è comune.
Il capitalismo contemporaneo non è una forza autonoma e autosufficiente; non può sottrarsi al proprio istinto immanente che è quello di appropriarsi di lavoro e di impadronirsi di quanto è comune (del tempo, dell’aria, della luce, dell’acqua, dei sentimenti) per trasformare tutto in denaro. Contropoteri democratici debbono essere capaci di costringere le corporation e lo stato nazione ad aprire l’accesso al comune; gli argini del potere sono fragili e possono cadere sotto l’azione dei commoners.
Il termine commoners si lega all’azione costituente per l’affermazione del comune. Dobbiamo abituarci ad usarlo questo termine. Un disegnatore disegna, un sarto cuce abiti, un barbiere rade e taglia capelli; allo stesso modo un commoner rende comune, ovvero realizza il comune, apre la proprietà all’accesso e al godimento di tutti, trasforma i beni controllati dallo stato in uso libero. Il commoner agisce creando le condizioni per il libero scambio di idee, immagini, codici, musica, informazione; è un partecipante costituente, soggetto fondamentale, necessario per poter costruire una società basata sulla condivisione. La rappresentanza è un istituto estraneo ed ostile al comune; il nostro commoner rifiuta la rappresentanza (Que se vayan todos) e rende immediatamente chiaro come la crisi non sia solo economica ma anche costituzionale, procede nel suo percorso destituente per tracciare la rotta di un nuovo processo costituente nel quale troverà piena definizione il comune.

Montare share CIFS sul vostro Galaxy Tab 10.1

Flattr this!

Vorreste montare condivisioni windows (tecnicamente share CIFS…) sul vostro tablet Galaxy Tab ma avete il sistema originale senza i moduli kernel necesari? Ho fatto ioil lavoro sporco, visto che i moduli che trovavo in giro erano solo per versioni di Android precedenti a quella che ho io (la 4.0.4, l’ultima ufficialmente disponibile) 🙂

I  moduli sono stati compilati a partire dai sorgenti presenti
su http://opensource.samsung.com
Versione Android: 4.0.4
Versione Kernel: 3.1.10
Hardware: Samsung Galaxy Tab 10.1 (GT-P7500)

Scompattate l’archivio, collegate il vostro Galaxy Tab 10.1 (con USB in modalità debug) al computer e, se avete già installato
adb (altrimenti andate qui: http://developer.android.com/tools/help/adb.html ) date i seguenti comandi:
adb remount (rimonta il file system /system in modalità RW)
adb push cifs.ko /system/lib/modules/
adb push md4.ko /system/lib/modules/
adb push nls_utf8.ko /system/lib/modules/
adb shell chmod 644 /system/lib/modules/cifs.ko /system/lib/modules/md4.ko /system/lib/modules/nls_utf8.ko
adb shell chown root.root /system/lib/modules/cifs.ko /system/lib/modules/md4.ko /system/lib/modules/nls_utf8.ko
adb shell insmod /system/lib/modules/cifs.ko
adb shell insmod /system/lib/modules/md4.ko
adb shell insmod /system/lib/modules/nls_utf8.ko

Dovreste a questo punto essere in grado di montare share CIFS sul vostro Galaxy Tab

Qui potete scaricare il tar.gz con i tre moduli necessari, cifs.ko, md4.ko, nls_utf8.ko