Entries Tagged 'General' ↓

Farfallino

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@   `'''';:,.`         `````           `#@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@` `,''''';;:.``                        #@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#  `+''''''';:,.`                       #@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@# `.''''''''';;:,``                  ``.#@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#``;''''''''''';:,.`            ````...,++@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#`.''''''''''''';;,.`         `..,,,:''''+@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@+`.''''''''''''''';:.``    ``.,,:'''''''''@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'`;'''''''''''''''';:,,..`..,;''''''''''''#@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'`''''+''''''''''''+';;::,:;''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'`''''''+'''''''''''+++++++'''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@;`+''''''+++'''''''''++++'''''''''''''''''+#@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@:`''''''''''+++'''''''''''''''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@:.'''''''''''''++++'''''''''''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@
+#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@;`''''''''''''''''''''''''++++++'''''''''''@@@@@@@@@@@@@
`.,+@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@;.'''''''''''''''''+++''''''''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@
.``..:+@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'`''''''''''''''''+++++++'''''''''''''''''#@@@@@@@@@@@@@
,...```:+#@@@@@@@@@@@@@@@@@@'`''''''''''''''+',``.`,++''''''''''''''''@@@@@@@@@@@@@@
++;:;:,,:'##@@@@@@@@@@@@@@@@;`+''''''''''''+;       `.'''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@@
@@####+++####@@@@@@@@@@@@@@@;`+''''''''''+:``        `;+'''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@@
@@@###+##@######@@@@@@@@@@@@:`:'''''''':`              ''''''''''''''+@@@@@@@@@@@@@@
@@@###++############@@@@@@@@:`.+';,.`                   :'+'''''''''++@@@@@@@@@@@@@@
@@@###++######+######@@@@@@@;```                        ``+''''''''';'@@@@@@@@@@@@@@
@@@###+##########++++#@@@@@@;```                           ,+''''''',;@@@@@@@@@@@@@@
@@@###++#@#######++++##@@@@@:``        `````` ``            `,''''''.,@@@@@@@@@@@@@@
@@@@##++#########+++++##@@@@:``      ````````````             `.''',`.@@@@@@@@@@@@@@
@@@@##+##########+##++###@@@;``    ```````````````````           `;` `@@@@@@@@@@@@@@
@@@@##+#####+#############@@'``   `````````````````````              `@@@@@@@@@@@@@@
@@@###+#########+#########@@;``  `..``````````````````````           `#@@@@@@@@@@@@@
@@@@##+#################+#@@'`` .,.....`````````````````````          #@@@@@@@@@@@@@
@@@@##+###########++++++++#@#``.,,,.....`````````````````````         #@@@@@@@@@@@@@
@@@@##+###########+++++++++@#..:,,,,,......`````````````..````        +@@@@@@@@@@@@@
@@@@####@#########+++++++++#+;:::,,,,,,,,,,....`````````..`````       '@@@@@@@@@@@@@
@@@@##########+#+++++++++++++':::::::::::::::,,,.........````````     ;@@@@@@@@@@@@@
@@@#########+##++++++++++++++';;;';;;::::::::::::,........`....``     ;@@@@@@@@@@@@@
@@@########++##++++++++++++++''''';;;;;::::::::::::,,,,,.........`    ;@@@@@@@@@@@@@
@@@########+###++++++++++++++'''';;;;;::::,,,,:::::;::,,,,........` ` ;@@@@@@@@@@@##
@@@########+###+++++++++++++++'';;;;::::::,,,,,,,::;;;;::,......,.`  `'@@@@@@@@@@###
@@@@##########++++++++++++++''';;;;;;:::::,,,,,,,:::;;'';,,.....,,.` `+@@@@@@@@@####
@@@@##########+++++++++++++';;;;'';;;::::::::::::::;:;;''':.....,,:.`.#@@@@@@@@@####
@@@@####@####+++++++##+++'';;;;;;;;;;:,,,,,,::::::;;;;;;''':,..,,:;:`:@@@@@@@@@#####
@@@#####@#####+++++###++'';;:;;;;;;::,,,...,,::::;;;;;;;''';,,.,,:;:`+@@@@@@@@@#####
@@@@####@###+++++++####';;:::;;;;;::,,...`...,,::;;'';::;;++:,,,,:'::#@@@@@@@@######
@@@#@###@###+++++++++++;:::::;;;:::,,..`````...,,:;''';::;'+':,,,;':;@@@@@@@@@######
@@@@####@##+++++++++++;::,,::::::::,,..```````.,,,:;''';::;++',,:;+'#@@@@@@@@@######
@@@@####@#+++++++++++':,,,,,,:::::,,,,.````````...,:;'';;;;'++:,:;+#@@@@@@@@@@######
@@@@######++++++++++':,,,,,,,,::::,,,,,.``````...,,:;''';::;++'::;#@@@@@@@@@@@######
@@@@######+++++++++':,,,...,,,,,,,,,,,,.``````.,,,,:;;';:::;'++::;#@@@@@@@@@@@@#####
@@@@######++++++++':,,,,....,,,,,,,..,,,......,,,,,:::;;::,::'++:'#@@@@@@@@@@@@@####
@@@@######++++++++':,,......,,,,,,....,,,,..,,,,,,,,:::::,,,:;++;'#@@@@@@@@@@@@@####
@@@@####@#++++++++;,,,......,,,.....```.,,,,,,,,,,,,,:::,,,,,:'+++#@@@@@@@@@@@@@####
@@@@###@@#+++++''':,,,......,,,......``...........,,,,,,....,,;####@@@@@@@@@@@@@####
@@@@###@@#++++;,:;:,,....`..,,,.............``......,,,.....,,:'###@@@@@@@@@@@@@####
@@@@######+++',.:;:,....`..,,,..,,,..,,,,...........,........,::+@@@@@@@@@@@@@@@@###
@@@@###@####+;,,;;:,......,,,:,:;;;:,,,,,,.............``.....,:'#@@@@@@@@@@@@@@@###
@@@@@##@#####',:'':,....,,,:;;;;'++';::,,....,,,,......```.....,'#@@@@@@@@@@@@@@@@##
@@@@@@@@@###+;.;+':,.....,,,,,:::::;;';;,::::::,,,.....`````...,;+#@@@@@@@@@@@@@@@@#
@@@@@@@@@###+:,'#':,..`..,,,,,,,:,,,,,,,:;;;;;';:,,....`````...,:+#@@@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@@@###'.:++':,..``..,,,,,,:,,,......,:;;+'';,,,..```````..:'#@@@@@@@@@@@@@@@@@
@@@@@@@#####;.;++':...``...,,.,,,::,,,...`.,,,:;''::,,.````.....:;#@@@@@@@@@@@@@@@@@
###########+:`;++',...```......,,:::::,....,,,,,::;::,.````....,:'#@@@@@@@@@@@@@@@@@
###########'..;+'':..`````......,:;;::::::::,,,,,,,,,,.````....,:'#@@@@@@@@@@@@@@@@@
##########+,..;+''''';:,.``.....:;;:::::;;;;:,,,,,....,.```....,:'#@@@@@@@@@@@@@@@@@
#########@,...'+''';::::,,,....,::::,..,;;;;:,,,,,...,,.```...,,;'#+##@@@@@@@@@@@@@@
#########'...,+#';::,,....,,,,.,::,,.``.,:;;;:,,,,,,,,,````...,:;'+:.;#@#@@@@@@@@@@@
#++######,...:++'::::,...``..,:;':,.````.:;;::,...,,..````....,:;++:``:#@@@@@@@@@@@@
++++####+..,,++'';:::::,....`.;'';,,.``.,,::;:......`````....,,:'#+:...'@@@@@@@@@@@@
+++++###+.,,:'';';::::::,,,...:';;:,.``.,,:;;:....```````..,,,::'#'.`.,+@@@@@@@@@@@@
+++++###'.,,,+';'';:::::,,,,,.:'';;,....,:;;:.,...`` ````..,,,:;'#+.`.:+#@@@@@@@@@@@
++++++++',:,:#;;+'';;::;:::,,,:'';;,....:;;:,,::,,.``````..,,,:;'#+..,,+#@@@@@@@@@@@
++++++++':'++#;'+''';;;;;::,,,:;';;,..,,;;;;::......::,...,,,::'++'..,.'@@@@@@@@@@@@
+++++++###@#++#++''++';;;::::::;+';:,.,:;;;;',``````..,;;::,,::'++',...;@@@@@@@@@@@@
+++++++#@@@+;+##+''+#+';;;:::::;''::,,,::;'':,...``````,:';:::;++#',...:#@@@@@@@@@@@
+++++++#@@@#'+###+''+#+''#';;;;''':,,,,:;'':,,,,...,....,::;::'+++;``..,#@@@@@@@@@@@
++++++#@@@@@###+##+''+###;:';;;;;':,,,,:'+:,:,,,,,,::,,,,.:;';'+++,```.,#@@@@@@@@@@@
++++++#@@@@###++###';;'++``:::';;;:,,,:;+';;::::::::,,,,,,,''''+++,````.#@#@@@@@@@@@
+++++##@@@@#+'++###+;:,,,` `;''::;:,,:;;;''';:,,:::::,,,,,:'''''++:.```.+@#@@@@@@@@@
+++++#@@@@@@+;'+#@@#+;,..`  :+;.:;` `.::;''';;:,,::::,,,::;'''''++:....`;#@@@@@@@@@@
++++#@@@@@@#+;;''####+':,```.:,.::`  `..;';,,;'';::;;:;;;;;'';'++':....`:#@@@@@@@@@@
#####@@@@@@@+';;;'#####+.`,';,,,:,```.,.'';:,::'#';+++'';;;'';'++;,....`,#@@@@@@@@@@
####@@@@@@@@#':;;;;+###@;,'+';:,,.``.,,,;';;:. .##+##+'';;'';;+#',...,.`.#@@@@@@@@@@
####@@@@@@@@#;:;;;:;''+##'##+;.`.```..:;;;;::`  '##++'';;;'+;'+#'..,,:.`.#@@@@@@@##@
####@@@@@@@#+;::::::,,,,:,,,,.```````..'';::,`  .,,,;;;''''''+###'..::.`;#@@@@@@@##@
####@@@@@@@#+;;::::,,.....`````````````;##';,```.,,:;'''+',:+###@@;.,:,.+##@@@@@@##@
+###@@@@@@@#+;;;::::,,....`````````````.###+,``::;'''++++;`.#@###@@'::,;@@@@@@@@@@#@
+###@@@@@@@#+;;;::,,,,,.....```````````.:+@@'``'+++####+++;:+#@@@@@@+''#@@@@@@@@@@@@
####@@@@@@@#+';;:,,,,,,,....`````````````.;###+########++';:'#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@
####@@@@@@@@##';:,,,,,,,,...```````````````,'++++#++++++';;;'#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#@
+###@@@@@@@@@@+;:,,,,,,,,...```````````````..,,:;';::::::::;+#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@##
####@@@@@@@@@@#+';:,,,,,,....``````````````.....,:,:::,,:::;#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@###
####@@@@@@@@@@@@#####+;::,.````````````````.....,,,,::,,:::+@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#####
#####@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#+:..````````````........,,,::,:::;#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#####
##+##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#':...`````...........,,,:,,:::+@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#####
#####@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@###;....``.........,,,,:,,,::;#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@####
######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#@@##:.............,,,,::,,::+#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@####
######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#,............,,,,:::,:'##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#####
######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#@#;,,..`.....,,,,:::::;###@@@@@@@@@@@@@@@@@@@######
#######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#;,.``....,,,,,:::;;#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@######
#######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#;,.,,,,,,,,:::;;+#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@######
########@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#+''++++;::::;'+#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#######
########@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@####@@#';;;'+##@@@@@@@@@@@@@@@@@#@@#########
#########@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#####@@@#+++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@##########
#+#######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@####@@@@###@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@########+++#
++########@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@########+++++
###+++#####@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@########++++++
###+++#####@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#########++++++
####+#######@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@###########+++++++
####+#####+##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#########+++++++++
###+++++#+++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#########++++++++++
++++++++++++++#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@########+++++++++++++
++++++++++++++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#######++++++++++++++
+++++++++++#+++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@########+++++++++++++++
+++++++++++#++++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#########++++++++++++++++
+++++++++++++++++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@###########+++++++++++++++
+++++++++#+#++#++++#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@###########++#++++++++++####
++++++++####+++++++++#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#######+####+++###++++++######
+++++#+++#+++++++++'+++##@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@#############+++####++++#######
+++####++#+++++++++++++++#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@###############++++####++++#######
########++##++++++++++++++##@@@@@@@@@@@@@@########+#+############++++###+++++#######
######+++###+++++++++++++++#####@@@@#####+++++++++++++###########++++####+++++######
############+++++++++++++#+++#######+++++++++++++++++++#########+++++###############
############+++++###++++++#++++####+++++++++++++++++++++#########################@@#
############++++####++++++#+########++++++++#####++###########@@####@@@@@@@@@@@@@@@@
#############++#####++++++###########################@#@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Verificare la CA di Autistici/Inventati.

Flattr this!

L’affaire Prism ha dimostrato ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che la paranoia può essere un buon abito mentale, in certi frangenti.

Qualora foste utenti dei servizi di Autistici/Inventati, vi invito dunque caldamente a dare un’occhiata alla pagina appena prodotta su come scaricare, installare e verificare la Certification Authorithy di A/I, a questo link.

Qualora utilizzaste Ubuntu e voleste utilizzare l’ultima versione disponibile di bind e relativi tools client, come dig, ho pacchettizzato bind 9.9.2 per amd64, utilizzabili da oneiric in su, trovate un archivio tar.gz contenente tutti i .deb qui.

 

Io, uno di coloro che accettano il capitalismo e sbranano i lavoratori.

Flattr this!

Premessa imprescindibile: questa riposta è strettamente personale. Del resto, questo è il mio blog. Se il collettivo riterrà di voler rispondere, lo farà nelle sedi e nei modi che crederà.

Quest’oggi mi sono imbattuto in un tweet indirizzato all’unico santo al quale io sia devoto, San Precario, in cui si faceva cenno a posizioni critiche rispetto alla proposta di reddito di base universale da sempre sostenuta dal Santo e riproposta di recente in un articolo su Il Fatto Quotidiano.

Seguendo il link riportato nel tweet di cui sopra, mi ritrovo di fronte una pagina che mi ha fatto, a dir poco, sussultare.

Già il titolo è tutto un programma: “San Precario e il reddito per tutti, ovvero sbraniamoci tra noi e accettiamo il capitalismo

“Oibò, toccherà prendere decisamente lezioni di anticapitalismo e mutualismo dalla signora Letizia Mosca, autrice del tweet e del post”, mi dico, dopo aver letto cotanto roboante titolo.

Entro dunque nel merito, perché sono sempre ansioso, quando qualcuno cerca di indicarmi la radiosa strada verso il sol dell’avvenire.

Il primo capoverso recita “600 euro per tutti al posto delle altre forme di welfare attualmente esistenti in Italia come disoccupazione, cassa integrazione, mobilità”.

Sì, l’idea del collettivo del quale orgogliosamente faccio parte è proprio quella di introdurre uno strumento di welfare universale e unificato che copra tutti coloro che non raggiungono un adeguato livello di reddito, indipendentemente dalla forma contrattuale con la quale eventualmente si è impiegati.

Ebbene sì, a noi piace pensare a diritti che abbiano carattere universale, sarà perché ci piace sbranare gli altri e genufletterci al capitalismo? Chissà.

Forse la signora Mosca si è impressionata perché la cifra di 600 euro le è parsa un po’ misera? In effetti lo è, ma alla signora Mosca è probabilmente sfuggito che quella riportata nell’articolo di San Precario è un’analisi di scenario e un approccio metodologico e che la cifra utilizzata in codesta analisi, 600 euro, è non casuale, perché coincidente con la soglia di povertà relativa.

In realtà, le nostre analisi sono decisamente più articolate e non miriamo certo a un reddito di miseria, ma per questioni di spazio limitato abbiamo riportato la sola analisi relativa a quella cifra. Qualcosa mi dice che la signora Mosca potrebbe trovare piuttosto facilmente i nostri studi più completi, ma nel caso in cui proprio non dovesse riuscire a trovare da sola, indicherò il link a un articolo un po’ più completo dove esaminiamo anche scenari con livello di reddito più elevato, con i relativi costi associati. Qui si può trovare un esempio di analisi un po’ più estesa.

 

La signora Mosca, però, sembra avere altro in mente, è convinta che in realtà questa bella idea che non abbiamo avuto per primi (sì, certo, ma magari in pochi, specie in questo paese, si sono adoperati per andare al di là della petizione di principio e rendere operativa la proposta…) sia tesa ad altro, ovvero, cito, “ridurre diritti e garanzie dei lavoratori assunti per combattere la precarietà”. Interessante, signora Mosca, ma proprio non ci arrivo: in che modo la nostra proposta andrebbe ad intaccare diritti e garanzie altrui? Quel che vorremmo è un welfare che sia per tutti, non saremo certo noi ad attaccare diritti altrui. Personalmente sono sempre stato al fianco delle lotte di tutti i lavoratori, indipendentemente dalle rispettive forme contrattuali. E con me tutti i compagni del collettivo. Spero che la signora avrà la compiacenza di chiarire quali sarebbero i diritti che noialtri sciagurati vorremmo intaccare, i commenti qui sono sempre benvenuti.

Ma la signora va oltre, molto oltre, ed è un crescendo maestoso:

Bell’affare dividere le fasce medio-basse in due blocchi, garantiti e precari, con i lavoratori a tempo indeterminato che se diventano precari peggio per loro perché una volta sono stati garantiti.”

Forse alla signora dev’essere sfuggito qualcosa, o forse sono io ad essermi imbattuto nell’universo sbagliato. Mi domando dove fosse la signora quando questa frattura insanabile si è nei fatti formalizzata, all’epoca del Pacchetto Treu, approvato in un tripudio (quasi) unanime da partiti e sindacati, che ce lo indicavano come lo strumento transitorio che ci avrebbe condotto all’eden della piena occupazione. Forse era in uno di quei partiti e sindacati, signora Mosca? Perché sa, è quel provvedimento ad aver creato i “garantiti” e i “precari”, egregia signora, non certo noi.

Vado avanti, perché il crescendo fino al climax finale è incredibile:

“L’antagonismo e il conflitto rivolto tutto all’interno di questi due blocchi, che non sono neanche poi tanto distinti tra loro.”

Abbia bontà, signora Mosca, personalmente non riesco a capire come la nostra proposta andrebbe a creare antagonismo e conflitto tra lavoratori. Peraltro, io ho ben chiaro quanto si sia ormai tutti terribilmente precari, anche quelli che qualcuno continua a definire ‘garantiti’, Pomigliano docet.

Antagonismo e conflitto sono per me parole molto importanti, cruciali: il mio antagonista è il capitale e il conflitto è il metodo dialettico che applico coi padroni e con gli scherani di costoro, non certo con i miei simili. A proposito, mi dica: da quand’è che il suo sindacato ha smesso di praticarlo, il conflitto? Sa, a differenza di quanto lei possa pensare io, che sono metalmeccanico come mio padre e mio nonno, in piazza con la FIOM ci vado, spesso e volentieri, ed ero a Roma il 16 ottobre 2010 e con decine di migliaia di compagni invocavamo a gran voce lo sciopero generale, all’allora segretario uscente Epifani. Beh, signora Mosca, quello sciopero generale non lo abbiamo mai visto, a proposito di conflitto.

E via, verso il gran finale:

“Il capitalismo attuale ce lo teniamo così com’è.”

No, signora, le dirò, io il capitalismo lo vorrei vedere dissolto, e credo che anche la stragrande maggioranza dei miei compagni la pensi come me. Quali sono, invece, le magiche prospettive rivoluzionarie che la sua area politica ci prospetta per superare il capitalismo, signora? Ci dica, siamo tutt’orecchie, siam qui per imparare. La concertazione ad ogni costo e l’infinita rincorsa di sindacati ingialliti come CISL e UIL sono una sublime tattica che noi povere menti meno dotate non riusciamo a comprendere?

“Anzi, si abbassa pure il costo del lavoro: le aziende avranno la possibilità di offrire salari e stipendi più bassi, tanto c’è il reddito di base.”

Signora, lei è milanese, terriotorio d’elezione di San Precario, è una giornalista, dovrebbe informarsi un po’ meglio, magari. Il duale imprescindibile di un provvedimento di reddito di base, come sempre abbiamo chiarito e sottolineato, è l’introduzione di un salario minimo fissato per legge, sotto il quale non si possa in nessun caso scendere. Le era forse sfuggito questo piccolissimo dettaglio? Mi permetta di dubitarne.

“Può essere un modo per rinvigorire questo moribondo capitalismo occidentale, che forse soppravviverà o forse verrà sostituito da un altro capitalismo, non necessariamente più buono.”

Non saprei, signora, io sono favorevole all’eutanasia di questo e di qualsiasi altro capitalismo, ma davvero non vedo in che modo un dispositivo di reddito di base che sottrae almeno in parte dal ricatto al quale il precariato è costantemente sottoposto possa rinvigorire questo capitalismo che lei immagina moribondo. Veda, signora, nella regione in cui sia io che lei viviamo siamo ormai arrivati ad oltre il 90% delle nuove assunzioni con forme atipiche (dal cocopro al tempo determinato, passando per i lavori ‘somministrati’ e le finte partita IVA monomandatarie), pare proprio che di questa precarietà il capitalismo si stia decisamente pascendo.

“Di sicuro la precarietà non finirà mai più”

Mi dica, signora, ché sono sempre più ansioso:  qual è invece la sua infallibile ricetta per invertire un processo storico che il capitale ha imposto alla nostra classe politica e sindacale e che all’epoca fu tanto festosamente accolto?

“e gli unici ad avere un posto fisso a vita saranno i difensori dei precari. “

Non fossi poco incline all’insulto, signora, su questo punto mi verrebbe davvero di rispondere in maniera estremamente volgare. La mia militanza è decisamente non retribuita, anzi mi sottrae tanto: tempo, affetti, salute e anche danaro. Mi racconti invece di chi i precari li dovrebbe difendere in quanto retribuito e forse non l’ha fatto poi così bene, negli ultimi 15 anni, la prego…

“Ma il popolo cosa ci guadagna?”

Non saprei, signora, il popolo è una categoria politicamente piuttosto infida da maneggiare. Io preferisco maneggiare altre categorie, sa, quella roba chiamata, con linguaggio magari un po’ vetusto e desueto, classe.

Cordialità, signora, stia ben certa che leggerò con grande interesse le sue risposte. Ammesso che ce ne siano, si intende.

Alcolizzati di tutto il mondo, unitevi!

Flattr this!

Eccovi un delirio del mio delirante sovversivo preferito, Frenchi. 😀

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Mi sono imposto alcune regole che devono aiutarmi a capire il significato del senso più vero della mia insistenza/esistenza. Sono regole mediche ed economiche e rappresentano il mio personale statuto del lavoro che si basa sul contratto alcolico a tempo indeterminato.
Io lavoro per vivere, non vivo per lavorare, ok? Bene. In particolare, io bevo per vivere, non vivo per bere. Per essere precisi: lavoro
o non lavoro: bevo.
Lavorare meno, lavorare tutti e bevendoci su. È meglio lavorare lo stretto necessario, per bere. Al principio non capii la profondità di quest’affermazione e poi mi sono ricordato dei consigli di mia madre: “Vai dove di senti realizzato figlio mio, fai un lavoro non pesante,
onesto e utile per la società, che non ti annoi, e ti faccia guadagnare il giusto: il dentista”.
Mio padre, più pragmatico, attentissimo al mio equilibrio psico-fisico e alla mia autostima, ma sincero come solo un contadino può
esserlo esordì drasticamente: “In culo alla fatica, figlio mio e gran pezzo di merda, vuoi che non ti abbia riconosciuto? Non ti vorrai
ambriacare a casa mia fino ai 35 anni? Fai quello che vuoi, fatti quello che vuoi, pezza ar culo, ma fatti fuori da casa mia che questa
casa non è un albergo né un centro per il recupero di disagiati alcolizzati e drogati

Ah, a Natale, fammi un favore il prosecco da due euro sta meglio nel tuo culo che nella vetrina della mia sala. Per la temperatura di
servizio fai tu, l’importante è che te lo stappi là, vedrai che bell’effetto quando ti sfarfallano le orecchie col fischio”.
Dopo aver fatto la media ponderata fra i consigli materni e quelli paterni ho deciso: da grande farò l’oste.
È vero: è importante separare vita e lavoro. In un’enoteca questo non è particolarmente facile, in effetti, la mia è una vita messa al
lavoro, come direbbe qualcuno, ergo mi spetta un nuovo welfare.
Tre regoline vengono totalmente stravolte nel mio lavoro:
· la prima, “non bere mai sul lavoro”. Che diventa: “Se non hai voglia di bere e non hai voglia di fare un cazzo è meglio che te ne stai
a casa, fatti vedere, magari è grave”;
· la seconda, “non portarti il lavoro a casa”. Questa proprio non funziona, alcune volte è già là che mi aspetta, in genere il mio lavoro
è sempre attorno a me;
· la terza, la salutista: “Bevi al massimo un bicchiere a pasto”. Rispetto profondamente questa regola. Per il resto del giorno il medico
non mi ha dato indicazioni, io faccio quel che riesco.
Per il resto ho sviluppato piccoli trucchi fai-da-te, ad esempio: non mangio mai a stomaco vuoto.
Sulla questione politica: non riesco a capire la questione del reddito incondizionato. Potrebbero vincolare l’elargizione del reddito alla
quantità bevuta? In questo caso mi verrebbe da essere corporativo.
In effetti, io preferirei la continuità di reddito, mi pare che funzioni così: quando smetto di bere, fra un bicchiere e l’altro mi danno
reddito diretto e indiretto (non l’ho mai capita bene questa, probabilmente il reddito indiretto è quando ti offrono un giro).
È necessario diminuire le tipologie di sbronza (molesta, allegra mattutina, insomma sono 47, troppe!). Ne propongo tre che dovrebbero
fornire una definizione chiara della casistica umana.
Sbronzo, completamente sbronzo, non ancora sbronzo. Non mi sembra esistere altro stato.
Per evitare il dumping bisogna introdurre il bicchiere minimo orario.
Bisogna separare assistenza e previdenza, e bisogna separarle soprattutto dall’astinenza.
Bisogna capire che la bevuta a tempo indeterminato non è più la regola, che è diventata una chimera. Otto sbronze su dieci in
Lombardia sono atipiche. Questi bevitori rischiano di non diventare mai alcolizzati garantiti. E si è creata una società di privilegiati.
Gente che beve con tutte le garanzie, e altri che non arrivano a fine mese, e se ci si arriva, ci si arriva lucidi come un mocassino. Per non
parlar del problema degli umbriacanti, gente che è venuta qui per rubarci l’alcool. Sbronziamoli a casa loro.
Oramai la morale degenera. E gli astinenti? Setta maledetta! Senza Patria e senza Dio. Negano l’Essere supremo: uno e trino, il padre
il figlio e lo spirito santo ovvero, il gin il martini e il campari, un terzo, un terzo, un terzo, ovvero il Negroni, Dio e Padre di tutti gli
alcolisti che ci mandò due tavole con su l’elenco degli alcolici (leggere bene le avvertenze e le modalità d’uso) (Se già siete avvezzi passate
subito al paragrafo successivo: modalità d’abuso):
1. Non avrai altro alcool all’infuori di te (ovvero bevi sempre).
2. Non nominare il nome del cocktail invano (se lo chiami lo bevi)
3. Ricordati di spruzzare il campari e le feste.
4. Onora il vino e la birra.
5. Non lasciare un fondino (ucciditi piuttosto).
6. Non commettere atti impuri (come allungare il vino con la coca cola).

7. Non rubare sulla quantità d’alcol nei cocktail.
8. Non dire falsa testimonianza (se non ti ricordi ciò che è successo appellati al quinto emendamento: il diritto alla sbronza).
9. Non desiderare la donna d’altri, se non la riconosci però fa niente, se ne terrà conto durante l’estrema unzione (estrema unzione = cocktail particolarmente forte usato per rimettere i peccati o rimettere un pasto particolarmente pesante).
10. Non desiderare la roba d’altri… dio mio, qualcuno che ti offre un giro, lo trovi sempre.
Gli Astinenti! Si vedono nei parchi, liberi, con lo sguardo indecente, gente sobria che cammina rigida come un grissino, spaventando
alcolizzati tranquilli che sono al parco per vomitare all’aria aperta, per rantolare sull’erba o dormire sulle siepi con le pantegane.
Ce n’è uno particolarmente pericoloso riconoscibile perché si veste tutto di nero, sempre. Ed è pericoloso. Pare che sempre da sobrio
abbia provato a rubare un bambino dalle braccia della madre quando questa si stava facendo un chupitos di tequila boom boom.
Per fortuna, con uno scatto fulmineo uno sbronzo dal forte senso civico è saltato addosso all’aggressore cadendogli sopra e colpendolo selvaggiamente con l’alito denaturato al 98% anche se è stato a sua volta percosso violentemente con alitate alle mentine senza alcol aggiunti (ne avrà per due settimane, prima di recuperare il livello alcolico, molto di più per cancellare quella sensazione spiacevolissima di fresco analcolico, anni di terapia intensiva per riprendersi, una vita quasi rovinata, lo diciamo a tutti: non andate in giro senza una sprite a base di long-island-ice-tea da inalare subito in caso di necessità).
Bisogna introdurre il reato di astemia.
Per reintrodurre la decenza bisogna agire dalla scuola, fin dall’infanzia, bisogna leggere alcuni passi della bibbia e invece dell’alzabandiera bisogna insegnare agli alunni ad alzare il gomito. L’insegnamento della divisione dell’alcol nel mar rosso è particolarmente adatto.
In questo episodio Mosè separò il campari da una parte e il bianco dall’altra, mostrando al barista detto “il faraone” che le proporzioni
erano sbagliate. Questi a onor del vero si difese egregiamente affermando che le proporzioni erano sbagliate ma le quantità generose.
Che significa: prima la qualità, ma subito dopo la quantità!

Poi c’è l’aneddoto delle sette vacche magre, delle sette vacche grasse e delle sette vacche sbronze. Ovvero, che le sette vacche magre a
stomaco vuoto si ambriacano prima e meglio delle altre. Ovvero, se bisogna scegliere, meglio l’alcol.
Dell’alcolismo, del resto, si parla sin dalla genesi.
Dio il primo giorno fece il vino, rosso bianco e rosato; il secondo giorno fece le birre, bianca rossa, scura, doppio malto weizenbier;
il terzo giorno fece i super distillati, inventò il ginepro e fece il gin, il grano e fece il whisky le patate la wodka e così via; il quarto giorno
fece i cocktails, il quinto giorno fece il campari col bianco (Spritz), il sesto giorno fece il pub e l’enoteca e gli piacquero molto. Il settimo
giorno bevendo un po’ da solo si sentì triste e fece l’alcolismo.
L’uomo e la donna erano il prezzo da pagare, l’effetto indesiderato.
Gli toccò quindi fare loro i vestiti, la casa, i vicini, le strade, i parchi, i mari, i monti in modo che l’uomo e la donna trovassero sempre
qualcosa su cui vomitare.
Fatto questo si addormentò e quando si svegliò si chiese: “Diocane, che cazzo di mal di testa. Mi sento agitato chissà che minchia
ho fatto ieri sera, boh? Mi verrà in mente”.
Anche Hansel e Gretel si svegliarono un po’ confusi e si chiesero, oh ma il simpatico vecchietto di ieri sera che ci doveva raccomandare
per un lavoro tranquillo, farci partire senza lagne, mangiare senza conto, bere senza limiti?

“Lei” – un po’ confusa con un forte vortice in testa e pesanti crisi d’identità – “non lo so. Mi sembra di ricordare solo che mi chiamò
cenerentola e tu sei tutti sette i nani”.
“Di una sola cosa sono sicura: che il Tipo era un chiacchierone, un alcolizzato della prima, te lo dice Heidi che di uomini se ne intende!”
Lo zio tacque, si ricordava poco del primo giorno di vita, non era sicuro neanche del proprio nome, era certo solo di una cosa: con paperina
era meglio dire sempre di sì.
Delusi dal creatore che tanto promise senza mantenere, i primi alcolizzati a due zampe si infilarono lungo un tunnel pericolosissimo:
quello dell’alcolismo ateo e cognitario. E si misero in testa strane idee, tipo quella di provenire dalla scimmia alcolica e di aver cominciato
a camminare su due zampe solo per permettere alle mani di reggere i bicchieri; due bicchieri ciascuno per la precisione (e il
conto torna si dissero compiaciuti Sarkozy e Carla Bruni).

Da questa intuizione nacque l’alcolismo scientifico che trovò il massimo sostenitore e ideologo in un tizio strano che pronunciò la frase liberatoria
che segue.
“Alcolizzati di tutto il mondo sbronzatevi!” Aggiungendo: “Groucho, porta due bocce di quello buono che sento di aver compreso una
grande verità, così brindiamo”.
Dall’altro lato del Cielo una figura saggia e maestosa, assaggiando un mojito e immerso in pensieri profondissimi diceva fra sé
e sé: “Ho creato proprio un bel mondo, pieno di svaghi, tranquillità e armonia, c’è un qualcosa che non ricordo, ma amen, è certamente
poco importante… quando quello squinternato di mio figlio compirà la maggiore età magari lo mando là a divertirsi e a distrarsi”.

 

Montare share CIFS sul vostro Galaxy Tab 10.1

Flattr this!

Vorreste montare condivisioni windows (tecnicamente share CIFS…) sul vostro tablet Galaxy Tab ma avete il sistema originale senza i moduli kernel necesari? Ho fatto ioil lavoro sporco, visto che i moduli che trovavo in giro erano solo per versioni di Android precedenti a quella che ho io (la 4.0.4, l’ultima ufficialmente disponibile) 🙂

I  moduli sono stati compilati a partire dai sorgenti presenti
su http://opensource.samsung.com
Versione Android: 4.0.4
Versione Kernel: 3.1.10
Hardware: Samsung Galaxy Tab 10.1 (GT-P7500)

Scompattate l’archivio, collegate il vostro Galaxy Tab 10.1 (con USB in modalità debug) al computer e, se avete già installato
adb (altrimenti andate qui: http://developer.android.com/tools/help/adb.html ) date i seguenti comandi:
adb remount (rimonta il file system /system in modalità RW)
adb push cifs.ko /system/lib/modules/
adb push md4.ko /system/lib/modules/
adb push nls_utf8.ko /system/lib/modules/
adb shell chmod 644 /system/lib/modules/cifs.ko /system/lib/modules/md4.ko /system/lib/modules/nls_utf8.ko
adb shell chown root.root /system/lib/modules/cifs.ko /system/lib/modules/md4.ko /system/lib/modules/nls_utf8.ko
adb shell insmod /system/lib/modules/cifs.ko
adb shell insmod /system/lib/modules/md4.ko
adb shell insmod /system/lib/modules/nls_utf8.ko

Dovreste a questo punto essere in grado di montare share CIFS sul vostro Galaxy Tab

Qui potete scaricare il tar.gz con i tre moduli necessari, cifs.ko, md4.ko, nls_utf8.ko